Corso On Demand

Le Terapie Immaginative

Le Terapie Immaginative | Claudio Widmann

Otto registrazioni del seminario "Le Terapie Immaginative", tenuto da Claudio Widdman il 27 e il 28 Settembre 2019 a Torino. 

La storia delle terapie immaginative ha radici remote. Fin dall’antichità – in Egitto, in Grecia, nell’estremo Oriente, nell’America precolombiana – fu chiaro che fantasie, visioni e immagini dell’inconscio possiedono un potenziale curativo.


Secoli più tardi, la nascente psicologia strutturò una varietà di approcci all’immagine mentale e una conseguente diversità di tecniche: allucinosi ipnotiche, sogni a occhi aperti, immaginazioni libere, visualizzazioni guidate, meditazioni immaginative e altro ancora.


Inizialmente questi procedimenti immaginativi condivisero una stessa finalità: estendere il potere dell’io per contenere la potenza dell’inconscio.


Ma, agli inizi del XX secolo, metodi come l’immaginazione autogena di I.H. Schultz o l’immaginazione attiva di C.G. Jung introdussero un’innovazione radicale: l’atteggiamento verso l’inconscio non fu più unicamente di controllo e di contrasto, ma di rispetto e di collaborazione.


Il mondo immaginale divenne, allora, lo sfondo psichico da cui le immagini affiorano a configurare e a plasmare l’individualità. Attraverso la forza dei simboli s’imprimono sulla vita psichica e scandiscono ogni passaggio esistenziale e ogni involuzione patologica.


Collocata entro questa prospettiva, l‘immaginazione attiva di Jung costituisce il punto più avanzato nell’evoluzione delle terapie immaginative e l’approccio più rispettoso dell’attività immaginativa diretta dall’inconscio.

Obiettivi di Apprendimento
Apprendere i concetti fondamentali alla base delle terapie immaginative
Conoscere i padri fondatori, la storia e i differenti approcci alle terapie che utilizzano l'immagine come strumento di lavoro
Osservare esempi esperienziali della somministrazione di queste tecniche
Metodologia didattica

Seminari

Pratiche esperienziali 

Docenti
Claudio Widmann
Psicoterapeuta
Nel 1976 si laureò in psicologia all'università di Padova, dove già si era laureato in pedagogia nel 1973. E' iscritto all'Albo degli Psicologi e all'Elenco degli Psicoterapeuti. Completato il training analitico personale, ha intrapreso un eclettico itinerario formativo in Italia e all'estero. A Milano e a Zurigo curò la formazione junghiana con Dieter Baumann e Adriana Mazzarella, entrando a… continua
Programma
1
Modulo
L'immaginazione guidata - Parte 1

Le forme di immaginazione guidata (visualizzazioni guidate, proiezione di simboli, sensibilizzazione e desensibilizzazione etc.) muovono da precise condizioni preliminari per realizzare uno stato di coscienza immaginativa. 

Le terapie immaginative contemplano una gamma di modalità operative, che tra di loro presentano similarità procedurali, ma anche diversità teoriche.

In questa sezione introduttiva, Widmann ci accompagna in un viaggio storico e culturale che ripercorre le antiche origini dell'immagine utilizzata come mezzo di cura. 

 

L'immaginazione guidata - Parte 2

Il percorso storico ci porta ad approfondire la tecnica dell'ipnosi e le sue evoluzioni, alla base di queste tecniche seppur rimodellata in alcune caratteristiche.

Relatore
Claudio
Widmann
Durata Modulo
4 ore
2
Modulo
L'immaginazione dialogica - Parte 1

L’immaginazione dialogica (Rêve Eveillé Dirigé di Desoille, Katatymes Bilderleben di Leuner, Psychoimagination Therapy di Shorr e altre) muove da un diverso stato di coscienza per adottare una diversa relazione sia tra soggetto ed operatore, sia tra soggetto e immaginario.

Accanto ad un repertorio di interventi condivisi, esistono tecniche specifiche dei diversi orientamenti.

Viene proposta una riflessione attorno al concetto di simbolo e al suo significato all'interno della terapia, procedendo alla scoperta di alcuni tra i più importanti autori e teorici delle terapie immaginative.

L'immaginazione dialogica - Parte 2

Il viaggio continua alla scoperta della relazione tra il mondo immaginale, l'inconscio e la consapevolezza, delineando nuovi assetti di cura.

Relatore
Claudio
Widmann
Durata Modulo
4 ore
3
Modulo
L'immaginazione autogena - Parte 1

L’immaginazione autogena presenta una specificità concettuale che impronta modalità procedurali del tutto originali. 

Si propone un approfondimento sull'utilizzo delle tecniche immaginative all'interno della terapia e sulla conduzione del colloquio.

L'immaginazione autogena - Parte 2

La tecnica originaria di Schultz rappresenta una pietra miliare nelle terapie immaginative, in quanto sottolinea il ruolo del corpo e del rilassamento, da cui origina il famoso "Training autogeno".

Relatore
Claudio
Widmann
Durata Modulo
4 ore
4
Modulo
L'immaginazione attiva - Parte 1

La tecnica immaginativa si confronta spesso con il paradosso. E' il caso della "concentrazione passiva", o della possibilità di fare esperienza cosciente dell'inconscio.

Il rapporto tra Io e inconscio si delinea in modo sempre più differente.

L'immaginazione attiva - Parte 2

L’immaginazione attiva è una modalità originale di C. G. Jung. Ha origine dall’esperienza privata dell’analista svizzero e presuppone un preciso approccio teorico e un atteggiamento mentale del tutto particolare. 

Relatore
Claudio
Widmann
Durata Modulo
4 ore

Registrati al Corso On Demand per 186,00 €

Materiale didattico:
video